Carattere: piccolo | medio | grande
RIVISTA INTERNAZIONALE di EDAFORUM
ANNO 2/ N. 4 - 30 gennaio 2006 - Politiche per l'educazione degli adulti: proposte
 
 

La città laboratorio creativo per le politiche educative degli adulti

Conversazione tra Gianluca Bocchi e Stefano Tomelleri

Nella  città contemporanea convivono religioni, culture, storie individuali differenti. I simboli e le costruzioni del passato, coesistono con le costruzioni più innovative e futuristiche. I paradossi e le contraddizioni che abitano nella città, rispecchiano le tensioni del nostro tempo: essa è il luogo, dove la modernità mostra i suoi limiti, dove storie differenti possono convivere con fatica, ma anche con entusiasmo e inedita energia.
segue [segue]




MONOGRAFICO

L'EdA come diritto

Sergio Albani

La grande maggioranza dei cittadini europei (otto su dieci) considera l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita uno strumento per perseguire obiettivi economici e sociali. L'apprendimento aiuta le persone a far fronte ai cambiamenti e alle domande del mercato, ma anche a prendere in mano la propria vita e a realizzarsi pienamente.

segue [segue]



Educazione degli adulti tra crescita della domanda e assenza di sistema.

Ludovico Albert

 La recente indagine dell’Isfol sull’offerta di formazione permanente, che ha preso in considerazione a fianco del sistema formale (scuola e formazione professionale) anche il vasto arcipelago del sistema non formale ...

segue [segue]




Lifelong learning: ambiguita’ di una locuzione molto usata

Sergio Angori

  Le ambiguità lessicali e semantiche che tuttora gravano sul concetto di lifelong learning, ripetutamente denunciate, non giovano al consolidamento di un costrutto che ambisce a proporsi come principio-guida sia delle politiche educative e sociali elaborate dalle maggiori organizzazioni internazionali aventi responsabilità in questo campo (UNESCO, OCDE, Unione Europea)


segue [segue]


L’educazione degli adulti tra emergenze e strategie

Laura De Lazzari

Uno studio recente sulla diffusione dell’analfabetismo in Italia, basato sui dati ISTAT 2001, mette in evidenza una configurazione piramidale per quanto attiene la scolarità nel nostro Paese; 7,5% i laureati al vertice, 36,52% gli italiani senza alcun titolo di studio o in possesso della sola licenza elementare, 25,85% i soggetti che hanno frequentato le scuole superiori, 30,12% in possesso del titolo di III media.

segue [segue]


È ora di cambiare. L’educazione degli adulti è la chiave del lifelong learning.

Francesco Florenzano

 L’educazione degli adulti è una componente originale e determinante le nuove politiche del lifelong learning. Il LLL non può essere inteso come l’appendice moderna della formazione continua, nella quale le Imprese e il Sindacato hanno assunto un ruolo non solo trainante ma di controllo politico ed economico.

segue [segue]


Progettualità territoriale e autonomia nell’Educazione degli adulti

Gabriella Giorgetti

Identificare il lifelonglearning solo con la formazione  direttamente connessa con la partecipazione al mondo del lavoro – che sia promossa dalle aziende o sia scelta individualmene – e/o con quella che risponde alle esigenze personali di autorealizzazione e crescita culturale,  significa non cogliere la portata di alcuni fenomeni :

segue [segue]

Politiche per l’educazione degli adulti: proposte

Isabella Loiodice

E’ indubbio che esista - all’interno della più generale prospettiva dell’educazione e dell’apprendimento permanenti - una specificità che connota l’intervento formativo in età adulta. Tale specificità è determinata principalmente dalle caratteristiche peculiari che l’educazione assume per il fatto di essere “contemporanea” all’esperienza lavorativa, un’esperienza peraltro pregnante e connotativa di questa età della vita.

 

segue [segue]


Le sfide della società della conoscenza

Noemi Ranieri

L’istruzione, il possesso delle conoscenze, l’acquisizione delle competenze non rappresentano soltanto un’esigenza di crescita culturale e civile dei cittadini, ma sono ormai aspetto determinante per le opportunità di sviluppo socio-economico, di competitività, di coesione sociale. L’Europa punta per vincere la sfida della competizione globale a innovare, a modernizzare, a far crescere, in termini di qualità e quantità, i livelli di istruzione delle popolazioni.


segue [segue]



Spunti di riflessione

Lucio Saltini

L’assenza di percorsi vincolanti a sostegno dell’apprendimento (in particolare per quanto concerne la formazione non imposta dall’attività lavorativa) porta gli adulti ad essere maggiormente responsabili della propria crescita e dell’aggiornamento culturale. Ciò li espone maggiormente al rischio di un impoverimento culturale progressivo, tanto più accentuato quanto minore è il livelli di istruzione già acquisita.

segue [segue]



 

 

 

EditorialeEDITORIALE

Federico Batini e Paolo Sciclone

Con questo numero iniziamo il secondo anno di attività della nostra Rivista. Il traguardo raggiunto, quello di aver fatto uscire nel primo anno di attività, i tre numeri previsti nei tempi assegnati, ci rende fiduciosi rispetto alla “tenuta” ed al futuro della Rivista. L’obiettivo che ci poniamo adesso è estremamente ambizioso: quello di trovare le risorse per poter offrire, a tutti i nostri interlocutori, la raccolta cartacea dei preziosi ed illustri contributi che hanno segnato il primo anno della nostra Rivista e di proseguire poi in tal senso affiancando dunque all’edizione on line singoli numeri o collane.
Editorialesegue [segue]


MONOGRAFICO

Alcune riflessioni sulle politiche per l’educazione degli adulti

Aureliana Alberici

La vera sfida per l’Eda non è semplicemente nella necessità di progettare e implementare interventi formativi per i soggetti adulti che si trovino nella condizione di dover affrontare pur sconvolgenti cambiamenti nell’ambito delle biografie lavorative, formative o personali;

segue [segue]



L’Educazione degli Adulti nel sistema di istruzione: nuovi scenari e nuovi strumenti.

Sebastian Amelio

Nell’ambito del processo di rafforzamento dello spazio europeo dell’istruzione e della formazione, la Commissione europea il prossimo anno presentare una Comunicazione sull’apprendimento degli adulti. In vista di ciò, sarebbe opportuno avviare nel Paese una riflessione accurata sullo stato dell’arte e le prospettive future dell’apprendimento degli adulti, in generale, e dell’EdA

segue [segue]

 

La specificità dell'EdA

Viviana Colapietro

Se con il termine lifelong learning  s’intende esprimere un concetto di apprendimento che dura per l’intero arco della vita, di apprendimento continuo e permanente e, se con esso s’intende esprimere, in ultima analisi, un più ampio concetto di educazione permanente, vediamo quale possa essere un tracciato più pertinentemente relativo all’Educazione degli Adulti.

segue [segue]




Lifelong Learning ed EdA

Fiorella Farinelli

Identificare il lifelonglearning solo con la formazione  direttamente connessa con la partecipazione al mondo del lavoro – che sia promossa dalle aziende o sia scelta individualmene – e/o con quella che risponde alle esigenze personali di autorealizzazione e crescita culturale,  significa non cogliere la portata di alcuni fenomeni :

 

segue [segue]



Lifelong learning e politiche di EDA

Vittoria Gallina

Le strategie di Lifelong learning possono essere intese, in qualche modo,  come sostitutive dell’ Educazione degli adulti?

 

segue [segue]







Il punto di vista dell’Auser

Maria Guidotti

Auser, l’associazione nazionale impegnata nel campo del volontariato, dell’educazione degli adulti e della solidarietà internazionale, ha fissato nella Carta dei valori le finalità che intende perseguire con la propria azione.

 

segue [segue]







L’educazione degli adulti nell’ambito del lifelong learning

Paola Nicoletti

 Il lifelong learning pone una sfida che richiede un notevole impegno collettivo di tutti i soggetti a diverso titolo coinvolti nei processi educativi e, più in generale, nei sistemi formativi, sociali e culturali: garantire l’apprendimento per tutti a prescindere da età, condizioni sociale ed occupazionale, nel corso di tutta la vita, per aggiornare e migliorare le proprie competenze e qualifiche ed usufruire della più ampia gamma possibile di contesti di apprendimento;

 

segue [segue]




Le considerazioni dei docenti del CTP di Livorno e dei docenti delle scuole secondarie di secondo grado fiorentine con corsi per gli adulti

a cura di Walter Rinaldi

Le considerazioni dei docenti del CTP di Livorno, i docenti delle scuole secondarie di
secondo grado fiorentine con corsi per gli adulti

 

segue [segue]


















s

Edaforum

Editore: EdaForum www.edaforum.it - info@edaforum.it
Provider: Kronide Srl www.kronide.it
LLL - Focus on Lifelong Lifewide Learning

Rivista registrata presso il Tribunale di Firenze n. 5414 del 01 marzo 2005
Redazione: c/o Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università degli Studi
Via del Parione 11/B - 50123 Firenze