Carattere: piccolo | medio | grande
RIVISTA INTERNAZIONALE
ANNO 1/ N. 1 - 2 marzo 2005 - EDUCAZIONE DEGLI ADULTI, LO STATO DELL'ARTE
 
 

L'apprendimento permanente nell'era della globalizzazione

Paolo Orefice

Le variabili dell'assetto sociale
In ogni società l'educazione riferita all'età adulta, come 'per altro ogni altra educazione, viene pensata e realizzata all'interno della struttura sociale che la connota. Negli attuali processi storici della "società planetaria della conoscenza" l'educazione nell'età adulta assume una specificità che la rende attuale e prioritaria.
segue [segue]


FRANCIA

Formazione continua universitaria francese nell'era di Bologna

Gaston PINEAU

L'Accordo di Bologna (1999) sull'omogeneizzazione dei diplomi a livello europeo inaugura un periodo di passaggio per la formazione continua universitaria (FCU) francese. Nata negli Anni Settanta sulla frontiera delle istituzioni universitarie classiche, la FCU si è sviluppata in tutte le università, ma con forme diverse, che oscillano da un semplice servizio comune di gestione amministrativa degli studenti lavoratori adulti, a delle vere e proprie strutture autonome all'interno dell'università, che rispondono in modo del tutto originale ai nuovi bisogni di formazione universitaria a tutte le età e in tutti i settori.
segue [segue]

 

Per un'Educazione reciproca nell'arco di tutta la vita

Claire Héber-Suffrin

L'Accordo di Bologna (1999) sull'omogeneizzazione dei diplomi a livello europeo inaugura un periodo di passaggio per la formazione continua universitaria (FCU) francese. Nata negli Anni Settanta sulla frontiera delle istituzioni universitarie classiche, la FCU si è sviluppata in tutte le università, ma con forme diverse, che oscillano da un semplice servizio comune di gestione amministrativa degli studenti lavoratori adulti, a delle vere e proprie strutture autonome all'interno dell'università, che rispondono in modo del tutto originale ai nuovi bisogni di formazione universitaria a tutte le età e in tutti i settori.
segue [segue]

 

 

 

EditorialeI perchè di una Rivista

Federico Batini

Cosa aggiunge un'ulteriore Rivista nel già vasto panorama delle Riviste specialistiche italiane? La volontà che muove questa rivista nasce da lontano, nasce dalle intenzioni costitutive di Edaforum. [...]

Ci ha unito e spinto a lavorare in questa direzione la voglia di far crescere il dibattito attorno all'educazione degli adulti, attorno ai temi che saranno e costiuiranno oggetto della Rivista, adottando un difficile equilibrio tra ricerca, riflessione e prassi operative. La Rivista LLL (Lifelong Lifewide Learning) promossa dal Forum Permanente per l'Educazione degli Adulti intende essere uno strumento di riflessione sulle politiche educative, con uno sguardo particolarmente attento all'educazione in età adulta ed alle metodologie e alle normative che la caratterizzano.
Editorialesegue [segue]


TOSCANA

Politiche per la libertà nella formazione. Il senso dell'esperienza Toscana

Paolo Federighi

Libertà nella formazione: un nuovo corso. L'educazione o la formazione non sono il passaporto per l'accesso al mondo dei liberi. Esse sono un terreno di confronto e di conflitto per realizzare condizioni di libertà nella formazione e nell'educazione. L'equivalenza più educazione= più libertà ha, oggi, solo il sapore di polverosa retorica.
segue [segue]

 

Il Sistema di Educazione degli Adulti nella Regione Toscana

Elio Satti

 

Nella Regione Toscana è improprio parlare di educazione degli adulti. Il motivo risiede nel fatto che non vi è uno strumento legislativo specifico che riguarda tale tipo di educazione, piuttosto tale tipo di educazione è inserita in un più ampio approccio alle esigenze dell'educazione che hanno maturato, in un recentissimo passato, il concetto di diritto all'apprendimento per tutta la vita.

segue [segue]

EMILIA ROMAGNA

 

La politica della Regione Emilia Romagna per l'educazione degli adulti

Silvana Marchioro

La Sezione V della Legge Regionale approvata con delibera N. 107, 25 giungo 2003, in linea con le indicazioni europee e con il Documento della Conferenza Unificata, 2 marzo 2000, promuove l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita finalizzato alla cittadinanza attiva, allo sviluppo personale, all'inserimento sociale e all'occupabilità. Si riconosce il lifelong learning come strumento in grado di favorire l'adattabilità delle persone alle trasformazioni dei saperi e capace di evitare l'obsolescenza delle competenze e i rischi di emarginazione sociale .
segue [segue]

 

La situazione normativa, programmatica ed operativa dell'Educazione degli Adulti in Emilia Romagna

Enzo Morgagni

L'applicazione dell'OM 455/97 del MPI ha consentito di superare nella Regione Emilia Romagna la precedente logica prevalentemente compensativa ("recupero" in età adulta dei titoli di studio di base) che aveva sostenuto i precedenti interventi statali in materia di EdA, dando ad essa uno sviluppo anche in ordine ai bisogni espansivi dell'adulto e del giovane adulto e a quelli generati dalla domanda di formazione legata a nuovi compiti evolutivi di vita e di lavoro.

segue [segue]

 

 

 

 

ARTICOLI


BUONE PRATICHE

 

NOTIZIEDA

 

Le "buone pratiche" in Educazione degli Adulti.
a cura di B. Schettini e F.Toriello
Da qualche tempo il concetto di lifelong learning sembra essere diventato la chiave d'accesso alla soluzione di molteplici problematiche
segue [segue]

Eurobarometro dell'Agenda di Lisbona: gli Europei vedono più investimenti in conoscenza ed innovazione come chiave per una maggiore crescita.
segue [segue]

RECENSIONI

 

DOCUMENTI

 

RECENSIONI WEB SULL'EdA

 

I NUMERI DELLA RIVISTA

n. 1 - Educazione degli Adulti - Lo stato dell'arte
n. 2 - Eda e DIRITTI
n. 3 - Eda e GLOBALIZZAZIONE
n. 4 - Politiche per l'educazione degli adulti: proposte

 

s