Carattere: piccolo | medio | grande
RIVISTA INTERNAZIONALE di EDAFORUM
ANNO 2/ N. 10 - 28 febbraio 2008 - Le competenze e l'EdA
 
 

Un rinnovato interesse: le competenze

di Federico Batini

Il tema delle competenze è oggi si straordinaria attualità. Le motivazioni per cui da attori di sfondo, di secondaria importanza, da comparse, insomma, sono diventate attori protagonisti in piena regola, sono molteplici. In realtà, per quanto riguarda l’Italia, vi sono stati una serie di eventi che hanno portato l’interesse sulle competenze al massimo livello storico anche se, non è questione di oggi, la preparazione all’esplosione di interesse ha un medio corso

 

segue [segue]




 

Le competenze ed il ruolo del formatore degli adulti

di Calaprice

L’apprendimento che il formatore deve promuovere verso un soggetto adulto non è solo un far conoscere, un far acquisire contenuti professionalizzanti, ma è anche quello di aumentare la capacità di riceverli e quindi quella di saperli poi gestire. Un apprendimento che vede coinvolte l’area cognitiva, affettiva, relazionale, metacognitiva.

 

segue [segue]

 

Su alcune >> definizioni del termine "competenza"

di Giuseppe Cinquepalmi

Negli ultimi anni, in corrispondenza al delinearsi di un mondo del lavoro radicalmente modificato rispetto al recente passato, la nozione di competenza ha assunto un ruolo centrale nell'educazione scolastica, nella formazione professionale e nella gestione delle risorse umane.

 

segue [segue]

 

 

Adulto, competenza, formazione. Paradossi e nuove prospettive

di Paolo Serreri

Adulto, competenza, formazione: tre lati di uno stesso triangolo. Un trinomio sempre più ricorrente nel corso degli ultimi quaranta anni: nelle scienze sociali, nelle scienze della formazione, nelle discipline psicologiche; in ambito aziendale ed in ambito politico; ed in particolare, nell’ambito delle politiche del lifelong learning.

segue [segue]

 


La comunità di pratiche

di Maria Buccolo

Parlare di “attori organizzativi” oggi significa riferirsi alle persone  che lavorano nelle medie e grandi aziende che svolgono il ruolo di manager, quadri, collaboratori, dipendenti ecc.

segue [segue]

 


l teatro d’impresa: un nuovo metodo di formazione per gli adulti.

di Claudio Pignalberi

Knowles (2002), nel quadro del suo impianto teorico-concettuale, ritiene che il cuore della competenza risiede nella capacità di arricchire il sapere attraverso la volontà ad apprendere nell’intero arco della vita, rispecchiando in qualche modo la corrente “andragogica” della formazione.

segue [segue]


Competenze e Formazione nella prospettiva europea del lifelong learning

di Romina Papetti

La formazione professionale rappresenta oggi per molti paesi europei una opportunità di crescita e competitività, sia perché garantisce al mercato del lavoro profili professionali tecnici, di tipo medio alto sia perché facilita la mobilità geografica e professionale.

segue [segue]

 

EditorialeEDITORIALE

Federico Batini

E … 10! … candeline con regalo
Inauguriamo, con questo numero, il quarto anno della nostra Rivista e festeggiamo il numero 10.

Al momento del primo numero, nel 2005, nessuno dei componenti della Redazione avrebbe creduto di arrivare così lontano e con una regolarità così assidua. Vogliamo ringraziare per questo tutti coloro che, negli anni, si sono avvicendati nella Redazione, l’intero Comitato Scientifico, e il Forum per l’Educazione degli Adulti che ha creduto, da subito, nel progetto di una Rivista che fosse in grado di far dialogare la ricerca con l’azione sul campo. Il crescente consenso che la Rivista ha incontrato ci ripaga dello sforzo che abbiamo sostenuto per mantenere alto il livello e costante la puntualità di uscita.



Editorialesegue [segue]


“Formare” persone competenti nella società complessa

di Isabella Loiodice

Il termine “competenza” condivide con la parola “formazione” un identico cammino di revisione e di ripensamento sia sul piano della teoria che su quello della  prassi. In entrambi i casi, infatti, la loro utilizzazione (in chiave concettuale e operativa) è rimasta a lungo rinchiusa in un’accezione riduttiva dei termini: la parola formazione in quella di “formazione professionale” e la parola competenza in quello di semplice “prestazione concreta” (performance) di un compito.

segue [segue]



(AUTO)Valutazione e competenze riflessive

di Paolo Di Rienzo

La valutazione si configura come condizione necessaria per il funzionamento delle organizzazioni umane in generale e rappresenta un aspetto costitutivo e determinante per il funzionamento dei sistemi complessi che caratterizzano gli scenari globali in cui viviamo.

 

segue [segue]

 

Lifelong learning e valorizzazione dei saperi e delle competenze

di Giovanna Spagnuolo

La valutazione si configura come condizione necessaria per il funzionamento delle organizzazioni umane in generale e rappresenta un aspetto costitutivo e determinante per il funzionamento dei sistemi complessi che caratterizzano gli scenari globali in cui viviamo.

 

segue [segue]


BUONE PRATICHE

Il Sistema di Educazione degli Adulti della provincia di Pistoia

di F. Cioni, M. Civilini, E. Menchi, R. Niccolai

Lo sviluppo e la diffusione della cultura EDA richiedono un profondo mutamento culturale, sociale e politico che porti al superamento di quell’idea di educazione e istruzione statica e relegata alla sola prima fase della vita che ancora pervade la società italiana; è inoltre indispensabile fornire strumenti efficaci alle politiche educative, affinché esse sappiano esplicare il loro pieno valore ed uscire dalla considerazione marginale e residuale di cui vengono spesso fatte oggetto nelle istituzioni, nei luoghi di lavoro, nella società civile.

segue [segue]

 

 

 

Ponti possibili: un percorso di integrazione tra non formale e istruzione

di Marco Da Vela

Questo contributo presenta il percorso avviato dai Corsi Serali dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Firenze e dall’Istituto Statale di Istruzione Superiore  Russell-Newton di Scandicci per la costruzione di un dispositivo formalizzato che costruisca, in una logica dell’integrazione e di piena valorizzazione delle competenze degli individui, momenti di passaggio di soggetti adulti in formazione tra i due sottosistemi del non formale e dell’istruzione.
Sono convinto che parte del valore dell’operazione avviata sia costituito anche dal raccontarla mentre è in corso, al fine di offrire agli addetti ai lavori una serie di spunti di riflessione ed al fine di raccogliere critiche, suggestioni, indicazioni che possano aiutare i soggetti coinvolti a sviluppare meglio questo lavoro.

 

segue [segue]



EDA NELLE REGIONI

PUGLIA

CAMPANIA

TRENTINO

TOSCANA

EMILIA ROMAGNA

LAZIO

 

RECENSIONI

ALTRI ARTICOLI

DOCUMENTI

 

SITOGRAFIA

a cura di Teresa Borrello

TRADUZIONI

a cura di:
GIOVANNA DEL GOBBO

ALESSANDRO FORZONI

 

 

 

I NUMERI DELLA RIVISTA

n. 1 - Educazione degli Adulti - Lo stato dell'arte
n. 2 - Eda e DIRITTI
n. 3 - Eda e GLOBALIZZAZIONE
n. 4 - Politiche per l'educazione degli adulti: proposte
n. 5 - Eda ed (IM)MOBILITA'
n. 6 - Orientamento ed educazione degli adulti
n. 7 - Eda e nuovi alfabetismi
n. 8 - Eda e pari opportunità per tutti

 

 

 

 

 

s

Edaforum

Editore: EdaForum www.edaforum.it - forumeda@edaforum.it
Provider: Kronide Srl www.kronide.it
LLL - Focus on Lifelong Lifewide Learning

Rivista registrata presso il Tribunale di Firenze n. 5414 del 01 marzo 2005
Redazione: c/o Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università degli Studi
Via del Parione 11/B - 50123 Firenze