Carattere: piccolo | medio | grande
RIVISTA INTERNAZIONALE di EDAFORUM
ANNO 7/ N. 17 e N. 18 - 25 Gennaio 2011 - Tra sviluppo umano e sviluppo locale: ridefinire i significati - I soggetti al centro dei processi
 
 

 

SVILUPPO UMANO E SVILUPPO LOCALE PER UNA CRESCITA GLOCALE

di Bruno Schettini

Sembra che si possa applicare al discorso sull’educazione nelle comunità locali quello che Paul Lengrand e Anna Lorenzetto sostenevano già negli anni Settanta a proposito dell'educazione permanente e cioè che la splendida teoria costruita su tale paradigma debba diventare un'autentica prassi pedagogica.

 

segue [segue]

 

 

L'UNIVERSITÀ PER LA FORMAZIONE PERMANENTE. AL SERVIZIO DELLE PERSONE E DEL TERRITORIO.

di Isabella Loiodice

La diffusività e pervasività della dimensione formativo-orientativa in prospettiva lifelong e lifewide hanno coinvolto negli ultimi anni anche l’università, che ha avviato in tal senso un processo di progressiva formalizzazione e realizzazione di percorsi formativi “estesi” a una pluralità differenziata di studenti.

 

segue [segue]

 

 

EDUCARE AI DIRITTI UMANI EDUCANDO AL POTERE

di Clelia Bartoli

In questo scritto intendo muovere una critica ad un modo piuttosto comune di intendere l’educazione ai diritti umani, provando a proporre un diverso paradigma pedagogico. Molti progetti, sperimentazioni, programmazioni didattiche che riguardano questo tipo di educazione si pongono generalmente come obiettivi: [...]

 

segue [segue]

 

 

IDEE PEDAGOGICHE PER UNO “SVILUPPO FELICE”

di Daniela Dato

Non pochi sono gli studiosi tra cui gli economisti umanisti come Sen, Keynes, Layard, Latouche, o ancora tra i sociologi come Natoli che ormai da tempo mettono in luce la relazione non necessaria che lega sviluppo e crescita del reddito e del P.I.L.. Senza guardare alle proposte, se vogliamo radicali, della “decrescita serena” di Latouche, non possiamo comunque ignorare, in qualità di pedagogisti, che i capisaldi e i motori dello sviluppo possono risiedere soprattutto in qualcosa di differente dai semplici beni materiali, dovendo diversamente tener conto anche del valore dell’infunzionale e dell’intangibile.

segue [segue]

 

 

EditorialeEDITORIALE

di Federico Batini

In questo numero vengono affrontati due concetti che hanno, a volte, in letteratura, parziali sovrapposizioni. Vengono proposti alcuni contributi che non pretendono di ridefinire totalmente un discorso che è appena ai suoi inizi. La contemporaneità chiede agli uomini ed alle donne che la abitano nuovi compiti evolutivi in relazione ad un contesto che si è modificato nelle modalità di azione e reazione possibili ad ogni soggetto.


Editorialesegue [segue]

 

 

IL RUOLO EDUCATIVO DEL TERRITORIO PER LA SOSTENIBILITÀ E IL BENESSERE

di Silvia Mongili

Mettere in relazione il soggetto con il contesto e i bisogni individuali con quelli collettivi, significa anche poter mettere in relazione i bisogni con le risposte di sviluppo del territorio, nella logica di tradurre in realtà l'apprendimento permanente della comunità locale. Qualsiasi forma di conoscenza, infatti, non può prescindere dal lavoro di mediazione agito dalla mente tra il soggetto e il mondo in cui è immerso.

 

segue [segue]

 

 

LE STORIE PER L'EMPOWERMENT

di Federico Batini

Quando pensiamo al passato e lo rievochiamo stiamo proponendo una storia: non ricordiamo né raccontiamo, infatti, ogni particolare di ciò che ci è avvenuto ma operiamo una selezione attraverso l'interpretazione ed attraverso lo stesso racconto.

segue [segue]

 

 

BUONE PRATICHE

LIFELONG LEARNING: VISITA DI STUDIO IN PORTOGALLO

di Pasquale Iorio

Dal 23 al 28 febbraio 2010 una delegazione della Regione Campania – guidata da Pier Luigi Lo Presti e Rita Crisci, dirigenti del settore istruzione ed EDA, composta da esperti del mondo della scuola, dell’università e del lavoro – si è recata a Lisbona per una visita di studio e di approfondimento del sistema portoghese di apprendimento permanente.

 

segue [segue]

 

NEL PROSSIMO NUMERO...

 

ACQUISTA I NUMERI DI LLL

 

EDA NELLE REGIONI

PUGLIA

CAMPANIA

TRENTINO

TOSCANA

 

EMILIA ROMAGNA

LAZIO

 

RECENSIONI

 

ALTRI ARTICOLI

 

DOCUMENTI

 

SITOGRAFIA

a cura di Giovanna del Gobbo e Barbara Emil

 

I NUMERI DELLA RIVISTA

n. 1 - Educazione degli Adulti - Lo stato dell'arte

n. 2 - Eda e DIRITTI

n. 3 - Eda e GLOBALIZZAZIONE

n. 4 - Politiche per l'educazione degli adulti: proposte

n. 5 - Eda ed (IM)MOBILITA'

n. 6 - Orientamento ed educazione degli adulti

n. 7 - Eda e nuovi alfabetismi

n. 8 - Eda e pari opportunità per tutti

n. 9 - Paulo Freire e Don Milani: due maestri per l'educazione degli adulti

n. 10 - Eda e pari opportunità per tutti

n. 11 - Educazione degli adulti: a che punto siamo?

n. 12 - Eda e Metodologie didattiche innovative

n. 13 - Uno sguardo all’Europa: verso un'educazione degli adulti comparata

n. 14 - EdA: creatività e innovazione

n. 15 - Intercultura, nuove povertà , giustizia e ingiustizia sociale.

n. 16 - Le professioni dell'Eda.

 

 

 

s

Edaforum

Editore: EdaForum www.edaforum.it - forumeda@edaforum.it
Provider: Kronide Srl www.kronide.it
LLL - Focus on Lifelong Lifewide Learning

Rivista registrata presso il Tribunale di Firenze n. 5414 del 01 marzo 2005
Redazione: c/o Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università degli Studi
Via del Parione 11/B - 50123 Firenze