RIVISTA INTERNAZIONALE di EDAFORUM
ANNO 10/ N. 25 - Maggio 2015 - Comunicazione e creazione di opportunità di apprendimento tra le generazioni
ISSN: 2279-9001
 

INDICE

 

 

 

 

RECENSIONE

Progetto Generazioni. Bambini e Anziani: due generazioni a
confronto

Di Glenda Galeotti


Michele Corsi, Simonetta Ulivieri (a cura di), Progetto Generazioni. Bambini e Anziani: due generazioni a confronto, Edizioni ETS, Pisa, 2012, p. 909.

Di Glenda Galeotti


“L’intero ciclo vitale dai bambini agli anziani e reciprocamente, anche nei termini di dialogo intergenerazionale”, per usare le parole di uno dei curatori, è stato il tema del Convegno della Società Italiana di Pedagogia, tenutosi a Firenze nel maggio 2012, e di cui questo volume ne raccoglie gli atti.

I cinquantacinque contributi riferiscono la ricchezza degli studi sull’infanzia, la terza età e la relazione di reciprocità tra queste due stagioni dell’esistenza, e danno conto della pluralità e varietà di riflessioni, ricerche e approcci teorico-metodologici che contribuiscono alla conoscenza di fenomeni complessi come quelli qui affrontati, cogliendone le diverse sfumature.

L’opera illustra il fecondo tributo della comunità scientifica della pedagogia italiana, la quale, accogliendo una delle sfide socialmente più significative della contemporaneità, si interroga sull’apporto che l’educazione - in tutte le sue sfaccettature - può fornire al benessere delle generazioni e alla qualità delle relazioni fra le generazioni, in continuità con la propria tradizione e ricercando, al contempo, proposte innovative.

Ed è proprio l’intenzionalità di ridefinire il legame tra passato e futuro, tra tradizione e innovazione, tra bambini, giovani e anziani al centro del lavoro qui presentato, che si declina sia nel “prendere in mano pedagogicamente e educativamente” due momenti dell’esistenza per certo versi distanti, ma anche nell’accogliere le riflessioni di esponenti di spicco di questa disciplina in Italia e quelle di giovani ricercatori, riconoscendo nella trasmissione intergenerazionale del sapere il compito principale dell’Università, come sottolineato dalle parole del Rettore Alberto Tesi in apertura.

Il volume, ripercorrendo l’articolazione dei lavori del Convegno, si apre con gli interventi delle due sessioni introduttive che compongo il quadro generale entro il quale si inseriscono le attività dei successivi gruppi tematici. Introducendo la prima sessione, Carmen Betti sottolinea la necessità di porre sempre più attenzione a queste due stagioni dell’esistenza, in quanto, se ad un primo sguardo appaiono distanti, in entrambe si rintraccia quel “tratto di vulnerabilità” che le accomuna e le rende necessitanti di attenzioni speciali da parte degli studiosi di questioni pedagogiche. Per Franco Cambi, la riflessione pedagogica e la pratica educativa hanno bisogno di ridefinire nuovi paradigmi storici, come quello della “contraddittorietà del presente” da cui ripartire per analizzare, riorganizzare e promuovere l’infanzia. Ma è anche necessario ripensarla attraverso categorie esplicitamente pedagogiche, in stretta relazione ai contesti di vita, così come è necessario ripensare i contesti in funzione del loro ruolo di accompagnamento e sostegno all’infanzia stessa, come propone Maura Striano. Dall’altro canto, Franca Pinto Minerva sostiene l’imprescindibile bisogno di interpretare in modo critico le rappresentazioni sociali che unificano la vecchiaia in definizioni che non concedono spazi per “continuare a riconoscere il corpo come mediatore” di conoscenza, comunicazione e affettività, per alimentare “un’immaginazione nutrita di memoria e di esperienza che riporta al contatto con il tempo del bambino”. La sessione si chiude con una riflessione di Carmela Covato sui modelli storiografici utili ad indagare i percorsi di crescita ed educativi delle bambini in epoche differenti.

Giorgio Chiosso, aprendo la seconda sessione del Convegno, sottolinea come le due condizioni vitali della memoria e dell’esperienza, di cui gli anziani sono depositari, siano alla base dell’associazione tra tarda età e esercizio educativo. Su questa scia si inseriscono gli altri contributi che, a partire da una approfondita analisi dell’attuale realtà degli anziani e degli spazi aperti alla competenza pedagogica, evidenziano come il rapporto intergenerazionale possa essere condizioni di benessere nella terza età e risorsa insostituibile per coloro che si affacciano alla vita. La rottura del patto fra le generazioni comporta, per Antonio Bellingheri, un lavoro educativo per ridefinire l’equilibrio tra distacco e coinvolgimento, tra autonomia e solidarietà, tra conservazione e accoglienza del nuovo.

Muovendo dal sottolineare l’importanza che la trasmissione intergenerazionale sia bidirezionale, Vanna Iori si interroga su quali siano i modelli educativi che gli anziani di oggi consegnano alle nuove generazioni, giungendo ad affermare che il valore della memoria è “una ricchezza lasciata in eredità alle generazioni successive, quando queste consentono ai vecchi di mantenere i ricordi”.

Sempre in riferimento alla generazione anziana Bruno Rossi, mettendo in guardia su come gli stereotipi dilaganti non consentono la costruzione di un’immagine positiva di sé da parte dell’anziano, della propria dignità, del proprio valore e possono indurre all’isolamento propone, definisce l’impegno e la responsabilità di “una scienza dell’educazione dell’anziano, per l’anziano”. La seconda sessione si chiude con il contributo di Sussanna Mantovani che, ripercorrendo il proprio percorso di studi e di ricerche, illustra l’evoluzione dei servizi per i bambini e delle diverse idee di bambino a cui essi hanno fatto riferimento.

Il volume prosegue con gli interventi articolati in sei aree tematiche e le conclusioni a cui, per ognuna di esse, sono giunti i gruppi di lavoro. Le aree tematiche sono: bambini e anziani in pedagogia; bambini e anziani nella storia dell’educazione; bambini, anziani e disabilità; bambini, anziani e linguaggi elettronici; bambini e anziani nella società dell’esclusione e dell’inclusione; bambini, anziani e l’immaginario come spazio condiviso.

Edito da Edizioni ETS, l’opera collettanea si inserisce nella Collana di Scienze dell’Educazione, è diretta ad un pubblico interessato al settore della formazione, sia esso di esperti del settore che di educatori in senso lato, e rappresenta un punto di riferimento imprescindibile per coloro che indagano i rapporti intergenerazionali in chiave educativa.





 

 


Edaforum

LLL - Focus on Lifelong Lifewide Learning
Rivista registrata presso il Tribunale di Firenze n. 5414 del 01 marzo 2005
Editore: EdaForum www.edaforum.it
sede legale e amministrativa: c/o ISIS Russell-Newton Via F. De André, 6 - 50018 Scandicci (FI)
indirizzo email: rivista@edaforum.it