Carattere: piccolo | medio | grande
RIVISTA INTERNAZIONALE di EDAFORUM
ANNO I / N. 3 - 30 settembre 2005 - EDA e GLOBALIZZAZIONE
 
 

Spingere l’educazione verso i diritti umani

Vernor Muñoz

Special rapporteur della Commissione per il Diritto all'Educazione delle Nazioni Unite

Gli sforzi per condurre l’educazione verso i suoi propositi centrali ci hanno incoraggiato a lottare contro le tendenze mercantilistiche che definiscono l’educazione come un servizio negoziabile e non come diritto umano. Tali propositi si collocano all’interno dei principali strumenti del diritto internazionale dei Diritti Umani (la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il Patto Internazionale dei Diritti Economici, Sociali e Culturali, la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia, tra gli altri) e sono stati chiariti dagli stessi organismi autori dei trattati

segue [segue]


 

Apprendere sempre nella società globale.

Aureliana Alberici

Il tema dell’educazione e/o della formazione si intreccia sempre più frequentemente con le riflessioni relative ad una pluralità di dimensioni, da quelle antropologiche culturali a quelle sociali, politiche, ecc., acquistando progressivamente un inedito peso nell'analisi e nei modelli di lettura politici ed economici del mercato globalizzato. Si parte dalla consapevolezza che in tutte le linee di ricerca relative al tema in oggetto i concetti globale/locale si accompagnano ad una progressiva riduzione e crisi di concetti quali società e stato-nazione. A questo corrisponde la creazione di poteri transnazionali e sovranazionali accompagnati da processi di deregulation, dal prevalere di una logica di tipo economicistico, dal mercato come nuovo e autonomo principio organizzatore dell’agire economico, sociale, culturale e dalla esasperazione della dimensione dell’individualismo..
segue [segue]

 

Educazione: un futuro nei GATS

Alessio Surian

Le tensioni che attraversano il mondo dell’educazione (Delors, 1997) sono oggi rappresentate e divulgate soprattutto come una crisi cui rispondere secondo il modello della competitività. “L’offerta educativa è un’opportunità di mercato e come tale va considerata” dice a chiare lettere la Tavola rotonda degli industriali europei (in Monbiot, 2000, p. 331).

Educazione e formazione affrontano contemporanee sfide di globalizzazione (che fa i conti con i concetti di complessità e differenza) ed estensione dei propri processi (Delors, 1997; Teodoro, 2003). In ambito educativo la globalizzazione si accompagna soprattutto a processi di de-territorializzazione (Suarez-Orozco e Qin-Hilliard, 2004, p. 6), ma anche a passaggi di “scala” e processi di ri-territorializzazione (Robertson, Bonal e Dale, 2001).


segue [segue]

 

La sfida educativa dell’identità adulta nella comunicazione mondializzata

Viviana Colapietro

 L’identità dell’adulto oggi mostra di essere dotata di una sorta di plasticità rispetto ai mutamenti continui, che ogni società mette in atto, nei suoi processi di cambiamento. Essa ne definisce anche, valutandoli, gli effetti, nei quali ogni uomo adulto e non, si trova coinvolto. Di qui è facile affermare che oggi, molto più che in passato, l’adulto si trova immerso, nei suoi percorsi di vita in un dualismo analitico che dovrà sperimentare e, al tempo stesso vivere e che lo mette anche in relazione al suo sé, agli altri e alle condizioni strutturali e congiunturali che lo stesso cambiamento comporta.

 

segue [segue]

 

 

 

 

EditorialeEDITORIALE

Un'altra globalizzazione: recuperare i principi fondamentali dell'educazione

di Federico Batini

Educazione e globalizzazione: parlare di questi concetti oggi, ed accostarli, significa entrare in una sfera complessa che interseca l'economia e le politiche. Il rischio più forte al quale andiamo incontro, in tal senso, è infatti quello di lasciare che le economie neo liberiste, sempre più sciolte, in ogni parte del mondo, dal controllo e dalla regolamentazione dei governi (anzi spesso condizionandone fortemente le decisioni), scelgano le linee portanti dei sistemi educativi e delle loro modificazioni (modificazioni che vanno, sempre più, in direzione della mercantilizzazione e mercificazione dell'educazione)


Editorialesegue [segue]


SPAGNA

L'educazione degli adulti in Aragona: la fine del XX secolo e l'inizio della democrazia

Enrique García Pascual

Dovendo scrivere sull'educazione di adulti in Aragona in primo luogo penso ad un schema strutturato che descriva:

- il concetto e l'attuale Legge di Educazione Permanente in Aragona (L.E.P.A)

- i precedenti: il piano provinciale di educazione degli adulti ed il Centro di Informazione e Documentazione delle Risorse per l’Educazione degli Adulti. (C.I.D.R.E.A);

- la formazione dei formatori in educazione degli adulti: l'esistenza del Diploma di Specializzazione in Educazione di Adulti come un titolo specialistico dell'Università di Saragozza e l'inesistenza, al contrario di quello che succedeva in altre università, del Diploma (titolo riconosciuto) in Educazione Sociale;

 

segue [segue]

 

 

I programmi di Educazione degli Adulti del Dipartimento di Educazione nella Comunità Autonoma di Aragona

Luciano Sáez Rodríguez

Nell'attuale società dell'informazione le necessità di formazione della popolazione adulta si estendono durante tutto il corso della vita. Questa affermazione non fa parte di una retorica educativa, tanto abbondante oggi, ma è una realtà avallata dai fatti. Dai risultati dei primi studi realizzati sulla partecipazione degli adulti in Spagna , risulta che una persona su tre che hanno abbandonato i propri studi, ha frequentato qualche corso di formazione negli ultimi dodici mesi.

 

segue [segue]



BUONE PRATICHE


RETE EdA: una ricerca per conoscere, valutare e mettere in rete le risorse per l’Educazione degli adulti nella Provincia di Firenze

Marco Da Vela

R.E.TE EdA, Risorse Educative Territoriali per l’Educazione degli Adulti, è  stato un progetto di ricerca finanziato dalla Provincia di Firenze Settore Politiche Sociali e del Lavoro- Servizio Politiche del Lavoro, attraverso il Fondo Sociale Europeo. [...]
L’idea da cui il progetto ha preso avvio è stata la constatazione di come, nel territorio della provincia di Firenze, il campo dell’educazione non formale degli adulti presentasse un’enorme varietà di iniziative e di proposte portate avanti da un gran numero di soggetti sia pubblici che privati, sulle cui caratteristiche non c’era alcuna informazione sistematica.

 

segue [segue]

 

“Siamo esploratori no? E allora esploriamo le novità”

Marta Pieri

Ormai non fa quasi più effetto sentire parlare di Responsabilità Sociale di Impresa, termine inflazionato e  troppo spesso affiancato dalle organizzazioni a della ottima filantropia o ad una sempre auspicata buona gestione del personale.
Se gli anni 90 hanno fatto la felicità delle società di consulenza ambientale in questo decennio abbiamo tutti a cuore lo sviluppo della società, il rispetto dei diritti umani e lottiamo per una economia più giusta verso i paesi più deboli.
Bene, si, ma poi?
Poi succederà che il tempo farà la sua selezione anche in questo. Chi dietro ad una bellissima campagna sociale pubblicizzata nel proprio sito ha una delle tante società di consulenza, si accorgerà di quanto diventa onerosa… gli imprenditori si saranno stancati di sopperire con scuole di informatica per i dipendenti o asili nido aziendali di colmare le lacune del welfare….

 

segue [segue]

 

 

RECENSIONI

TESI A CONFRONTO

 

    La rubrica “tesi a confronto” nasce con il fine di contribuire ad accrescere la qualità della rivista ed allargare la partecipazione alla riflessione sulle esperienze del lifelong learning.

    Gli obiettivi della rubrica sono duplici: da una parte si propone come un luogo di confronto, di scambio, uno stimolo alla ricerca, uno spazio per diffondere studi e tesi di Laurea; dall’altra vuole essere un’occasione per rendere “visibili” le esperienze e le iniziative educative proposte dalle Cattedre di Educazione degli Adulti, e proprio per questo si apre a contributi di attività provenienti dal mondo accademico.


  • Costruzione e validazione di un modello di Learning Organization in azienda sanitaria: “Il caso della AUSL di Viterbo”
    a cura di Ada Taratufolo

DOCUMENTI

 

 

 

Traduzioni a cura di:
GIOVANNA DEL GOBBO

ALESSANDRO FORZONI

formazione@pratika.net

 

 

 

I NUMERI DELLA RIVISTA

n. 1 - Educazione degli Adulti - Lo stato dell'arte
n. 2 - Eda e DIRITTI
n. 3 - Eda e GLOBALIZZAZIONE
n. 4 - Politiche per l'educazione degli adulti: proposte
n. 5 - Eda ed (IM)MOBILITA'
n. 6 - Orientamento ed educazione degli adulti

 

 

 

 

 

s

Edaforum

Editore: EdaForum www.edaforum.it - info@edaforum.it
Provider: Kronide Srl www.kronide.it
LLL - Focus on Lifelong Lifewide Learning

Rivista registrata presso il Tribunale di Firenze n. 5414 del 01 marzo 2005
Redazione: c/o Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università degli Studi
Via del Parione 11/B - 50123 Firenze
Fax 055.2382098